ribes nigrum

Ribes nigrum

Il Ribes nero (Ribes nigrum L.) è una pianta arbustiva decidua, cespugliosa alta fino a 2 metri. La pianta presenta fusti eretti e ramificati, dalla corteccia liscia e chiara tendente al giallastro nei giovani rami, rugosa e bruno-rossastra in quelli vecchi.

Le foglie del Ribes sono di colore verde cupo, palmato-lobate, a margine dentato, arrotondate e dal profumo intenso. Nel Ribes nero vi sono gemme miste da cui si sviluppano i grappolini e una o più foglioline e gemme a legno. Le gemme ascellari presentano a volte un breve accrescimento sviluppando soltanto due foglioline. Le gemme di Ribes nero si raccolgono nel mese di marzo-aprile. La pianta si può incontrare spontanea nei boschi umidi del fondovalle del piano montano, in luoghi freschi, ombrosi, sassosi della zona montana e alpina tra i 500 e i 1500 metri.

Il genere Ribes trae il nome dall’arabo ribas per il sapore acidulo dei frutti simile a quello del rabarbaro. Il Ribes è una pianta del sottobosco coltivata soprattutto per l’industria dolciaria e dei succhi. I giovani getti, le bacche, le foglie presentano numerose ghiandole aromatiche oleose e giallastre che emanano un forte odore caratteristico. Le ghiandole contengono olii essenziali, idrocarburi mono e sesquiterpenici, vitamina C.

I frutti del Ribes nero contengono:

  • vitamine A, gruppo B, C;
  • Fosforo, Calcio, Magnesio, Ferro;
  • acidi organici (malico, glicolico, tartarico) 2-2,5%;
  • derivati fenolici;
  • antociani (rutoside, cianidina, delfinidina, pelargonidina);
  • flavonoidi (kaempferolo, mircetina, quercetina, isoquercetina);
  • pectina 1-1,8%;
  • caroteni;
  • mucillagini;
  • zuccheri 5%.
I frutti del Ribes nero hanno proprietà:
  • dissetanti;
  • normalizzanti dei processi digestivi;
  • per il loro contenuto in antociani, in grado di aumentare la percezione visiva in condizione di scarsa luminosità.

In Francia viene utilizzato il Cassis che è un mix di liquore di Ribes nero e vino bianco secco frizzante.

I semi del Ribes nero contengono acidi grassi polinsaturi e acidi grassi essenziali tra cui:

  • linoleico (45-60%);
  • γ-linolenico (15-19%);
  • α-linoleico (12-14%);
  • oleico (9-10%);
  • palmitico (6-7%);
  • stearidonico (3-4%);
  • stearico (1-2%).

L’acido stearidonico si trova in pochissimi vegetali e costituisce il precursore biologico delle prostaglandine (serie 3) mediatori dell’infiammazione.

Le foglie contengono:

  • composti terpenici;
  • fosforo, zolfo;
  • amminoacidi (prolina, glicina, arginina 0,77 mg/g);
  • olio essenziale 0,75% (cadinene, acido cimico, cariofillene, sabinene, sabinolo, sesquiterpeni, terpinolo);
  • flavonoidi (kaempferolo, mircetina, quercetina, isoquercetina, ratina, sakuranetina);
  • tannini (polimeri flavan-3-olici, epigallocatechina, gallocatechina, prodelfinidina);
  • acidi fenolici;
  • bergerina;
  • diterpeni e triterpeni.

Le gemme presentano le più alte concentrazioni di principi attivi di tutta la pianta e contengono:

  • Vitamina C (107 mg/g);
  • amminoacidi (arginina 5,7 mg/g, prolina, alanina).

La fitoterapia tradizionale impiega da sempre il Ribes nero per proprietà:

  • antinfiammatorie;
  • immunomodulanti;
  • depurative;
  • vasoprotettive;
  • tonico-nervine;
  • antiallergiche (azione cortison-like).

Il Ribes nigrum viene usato principalmente come macerato glicerico (siglato come Ribes nigrum M.G.). Il macerato glicerico è una preparazione liquida di fitocomplessi derivanti da una estrazione attiva di parti giovani di materie prime vegetali con acqua e glicerina come solvente. Questa soluzione consente l’estrazione completa dei componenti vegetali senza denaturare i principi attivi contenuti.

Le indicazioni di impiego del Ribes nigrum sono:

  • dermatiti, eczema atopico;
  • allergie;
  • infiammazioni alle mucose, tratto digestivo, urinario, respiratorio;
  • riniti e rinofaringiti;
  • sinusiti;
  • artriti e artrosi;
  • gastriti (con Ficus carica);
  • cefalee vasomotorie, emicranie allergiche;
  • stati febbrili, influenzali;
  • cisti ovariche (con Rubus idaeus);
  • disturbi della percezione visiva (con Vaccinium myrtillus);
  • glomerulonefriti.

Indicazioni d’uso del Ribes nero gemme estratto analcolico: 30 gocce due o tre volte al giorno lontano dai pasti principali oppure in unica soluzione al mattino al risveglio.

I contenuti presenti su questo sito non vanno intesi come sostitutivi del parere del medico. I prodotti presentati nel sito non sono medicinali ma rimedi tradizionali che contribuiscono al mantenimento del benessere psicofisico.

Brands