stanchezza

Cambio di stagione rimedi naturali

Dopo aver approfondito l’aspetto della depurazione nel cambio di stagione affrontiamo ora il problema del cambio di stagione e come curarlo con i rimedi naturali. Un esempio è il “mal di primavera” che colpisce milioni di persone.

Quali sono i sintomi del cambio di stagione?

  • stanchezza;
  • debolezza;
  • astenia;
  • irrequietezza;
  • nervosismo;
  • insonnia;
  • difficoltà di concentrazione;
  • cattivo umore.

Alcuni dei fastidi avvertiti in primavera sono simili a quelli tipicamente autunnali, mentre altri dipendono esclusivamente dai cambiamenti che hanno luogo in questo periodo dell’anno. La stanchezza primaverile è causata da diversi fattori, tra cui gli sbalzi climatici a cui il corpo si deve adattare. Inoltre il passaggio all’ora legale influisce negativamente sul ritmo circadiano che regola l’equilibrio sonno-veglia. Questo è il motivo per cui proprio in primavera si fanno più frequenti i disturbi del sonno.

Dal punto di vista fisiologico l’aumento delle ore di luce porta ad una maggiore produzione dell’ “ormone dello stress” (il cortisolo) responsabile di nervosismo, inappetenza e sbalzi d’umore.

Per affrontare il cambio di stagione e la stanchezza che ne deriva le piante officinali possono rivelarsi un valido supporto e aiutare l’organismo a ritrovare la sua vitalità.

Le cure naturali per il cambio di stagione

ELEUTEROCOCCO – L’Eleuterococco, o “Ginseng siberiano” ha un’azione tonica e antistress. Il suo potere “adattogeno” consente all’organismo di rispondere alle condizioni ambientali sfavorevoli che sono alla base dell’astenia fisica e psichica. E’ indicato nella convalescenza e nell’affaticamento.

GINSENG – Utilizzato da secoli nella medicina popolare cinese, il Ginseng è considerato una vera panacea per l’organismo. E’ una pianta dalle proprietà energetiche ed antifatica, che rispetto ad altre piante, poiché privo di caffeina non genera ipereccitabilità e insonnia. E’ inoltre indicato in caso di sbalzi di umore e depressione.

RHODIOLA – Originaria delle montagne siberiane, la Rodiola è una pianta adattogena in grado di aumentare la resistenza fisica e muscolare supportando l’organismo in caso di stress e stanchezza. Grazie ai suoi principi attivi la Rodiola stimola la produzione di serotonina, un ormone che contribuisce a contrastare i disturbi del sonno e le alterazioni dell’umore. Inoltre favorisce il potenziamento di memoria, attenzione e apprendimento.

POLLINE – Il Polline, ricco in proteine e vitamine del gruppo B, è considerato un super-alimento in grado di migliorare la resistenza alla fatica di tutti i soggetti astenici e/o convalescenti. Le sue proprietà energetiche lo rendono prezioso nel cambio di stagione a chi voglia aumentare energia e vitalità.

DAMIANA –  Le foglie della Damiana vengono impiegate come tonico del sistema nervoso in caso di affaticamento ed esaurimento psichico, per aumentare e mantenere il rendimento psicofisico, come corroborante e afrodisiaco nel trattamento dei disturbi sessuali.

GUARANA’ – Pianta originaria della foresta Amazzonica, il Guaranà, grazie all’elevato contenuto di Caffeina è in grado di fornire energia aumentando la concentrazione e migliorando la resistenza agli sforzi.

I contenuti presenti su questo sito non vanno intesi come sostitutivi del parere del medico. I prodotti presentati nel sito non sono medicinali ma rimedi tradizionali che contribuiscono al mantenimento del benessere psicofisico.

Brands