doposole

I rimedi doposole e le erbe

E’ indubbio che il sole, a piccole dosi, abbia un’azione benefica sull’organismo: è necessario per la sintesi della vitamina D, prevenendo rachitismo e osteoporosi, migliora lo stato della pelle in caso di acne, psoriasi ed eczema, migliora il tono dell’umore.

Tra gli effetti acuti più noti dell’eccessiva esposizione ai raggi solari c’è l’eritema, conosciuto anche come scottatura che si manifesta con:

  • prurito;
  • bruciore;
  • vescicole e bolle;
  • edema;
  • desquamazione della pelle.

E’ importante prevenire l’eritema solare con dei comportamenti adeguati, utilizzando schermi solari, indumenti adatti, compresi cappello e occhiali e privilegiando, cibi ricchi di antiossidanti: vitamine A, C, E, zinco e selenio.

Ma anche quando la pelle è stata adeguatamente protetta, dopo una giornata di esposizione al sole e al vento può risultare arrossata e irritata, richiedendo trattamenti calmanti e addolcenti specifici. Le piante ad azione lenitiva per la pelle di maggior rilievo sono:

  • la Camomilla sotto forma di estratto, olio essenziale e acqua aromatica ha un’azione lenitiva, rinfrescante e antiarrossamento utile nelle infiammazioni e nelle ulcere della pelle. Queste proprietà sono dovute ai principi attivi contenuti nelle sue infiorescenze tra cui azulene, camazulene e alfabisabololo. La Camomilla può essere utilizzata direttamente nell’acqua del bagno ponendo la droga in un sacchetto di garza e mettendolo sotto il getto dell’acqua molto calda per poter estrarre al meglio i principi attivi contenuti, e portare in seguito l’acqua del bagno alla temperatura ideale. L’infuso di Camomilla può essere utilizzato anche per applicazioni locali mediante compresse di garza imbevute da applicare sulle zone del corpo infiammate per almeno 15 minuti, comprese le palpebre e gli occhi arrossati. E’ anche possibile aggiungere alcune gocce di estratto a una crema o gel base, oppure al normale doposole.
  • la Calendula, grazie all’elevato contenuto di beta-carotene contenuto nei fiori, presenta una spiccata azione antinfiammatoria e cicatrizzante su ferite e tagli superficiali. Può essere utilizzata direttamente nell’acqua calda del bagno o mediante l’applicazione di garze imbevute sulle parti interessate. Largamente utilizzato è anche l’oleolito di Calendula, dalle proprietà eudermiche, riepitelizzanti e cicatrizzanti, può essere utilizzato puro o mescolato a una crema idratante e doposole.
  • l’Iperico, per uso esterno ha proprietà antinfiammatorie, antiscottatura e cicatrizzanti, utili nel caso di piccole ustioni accidentali e di eritemi solari. I fiori di Iperico possono essere usati sotto forma di decotto per lavaggi o applicazioni locali con compresse imbevute. Più frequente è l’utilizzo dell’oleolito di Iperico che usato come tale è particolarmente utile come doposole per il sollievo che offre all’arrossamento e al bruciore causati dall’eritema solare. Da ricordare però che i preparati a base di Iperico vanno evitati in concomitanza all’esposizione solare, in quanto l’Iperico è una di quelle piante che può indurre fotosensibilizzazione.
  • il gel di Aloe viene utilizzato nel trattamento delle irritazioni e delle infiammazioni della pelle, di piccole scottature e abrasioni. In alcuni studi si è dimostrato efficace nel trattamento di ustioni termiche o da radiazioni, di primo e secondo grado: le ustioni guarivano più rapidamente e con meno complicanze quando venivano trattate con preparazioni a base di gel di Aloe. L’Aloe gel come doposole è apprezzato per le sue proprietà decongestionanti e reidratanti: grazie all’elevato contenuto di acqua, polisaccaridi, vitamine e sali minerali, viene assorbito rapidamente ristabilendo il normale stato di idratazione della pelle.
  • l’Amamelide viene utilizzata per uso topico per le lesioni minori e le infiammazioni della pelle, avendo dimostrato spiccate proprietà lenitive, astringenti e antinfiammatorie. Può essere impiegata sotto forma di tintura aggiunta a pomate e creme, infuso o acqua distillata.
  • l’amido di Riso dalle proprietà emollienti e assorbenti, disciolto nell’acqua del bagno è un ottimo lenitivo, utile per calmare le sensazioni di prurito e di calore soprattutto nei bambini. Sciogliere due cucchiai di amido di Riso in poca acqua; questa verrà poi aggiunta all’acqua del bagno oppure diluita e utilizzata per spugnature.

Per ovviare alla fastidiosa sensazione della “pelle che tira” che talvolta segue l’esposizione ai raggi UV è necessario utilizzare prodotti cosmetici in grado di ripristinare il giusto equilibrio tra l’acqua e la componente lipidica della pelle, perse per azione del sole e degli elementi. I burri e gli oli vegetali sono dei preziosi alleati della pelle secca e disidratata; possono essere utilizzati puri o aggiunti a una crema base, meglio se dopo la doccia, quando la pelle è più ricettiva ad assorbire i principi attivi funzionali. Di particolare efficacia in caso di scottature ed eritema solare, troviamo:

  • il burro di Karitè grazie alle vitamine A, E e C ha un’azione ristrutturante sulle pelli molto secche e danneggiate;
  • l’olio di germe di Grano ricchissimo in vitamina E è indispensabile per garantire l’elasticità della pelle;
  • l’olio di Jojoba grazie alla sua composizione è in grado di “mimare” l’azione del sebo normalmente prodotto dalla pelle, e per questo viene assorbito molto rapidamente;
  • l’olio di Mandorle dolci;
  • l’olio di Avocado.

I contenuti presenti su questo sito non vanno intesi come sostitutivi del parere del medico. I prodotti presentati nel sito non sono medicinali ma rimedi tradizionali che contribuiscono al mantenimento del benessere psicofisico.

 

Brands