semi di canapa

Le proprietà dei semi di Canapa

“Nessun alimento vegetale può essere paragonato ai semi di Canapa per quanto riguarda il valore nutritivo. Le proteine contenute in essi forniscono al corpo tutti gli amminoacidi essenziali necessari per una buona salute e la loro composizione corrisponde esattamente a quello di cui il corpo umano ha bisogno per produrre il plasma sanguigno, l’albumina e la globulina, elementi essenziali che rivestono un ruolo importante nel sistema immunitario”

Un solo seme quindi racchiude tutti e otto gli aminoacidi principali che sostengono la sintesi proteica e l’azione del sistema immunitario. Questa combinazione è in grado di fornire al corpo umano la base su cui creare altre proteine come le immunoglobuline: anticorpi che respingono le infezioni prima ancora che arrivino i primi sintomi percepibili.

Il seme di Canapa presenta una frazione grassa (34-35%) di ottima qualità costituita per il 70-75% da una miscela di acidi grassi polinsaturi quali l’acido linoleico, l’acido linolenico ed il gammalinolenico (insostituibile, quest’ultimo, nel processo di sintesi delle prostaglandine, sostanze che regolano l’attività di numerose ghiandole, dei muscoli e dei recettori nervosi). Nel dettaglio lo stupefacente equilibrio nel rapporto tra Omega-6 e Omega-3 e GLA: 60% di acidi linoleici e il 25% di acidi linolenici e il 4% di acido gamma linoleico è 3/1, quello più vicino al rapporto ideale per l’uomo.

I semi di Canapa contengono:

  • acidi grassi essenziali;
  • carboidrati;
  • vitamine A, E, PP, C, B;
  • sali minerali (calcio, ferro, magnesio e potassio);
  • fibra grezza.

L’introduzione dei semi di Canapa sativa nell’alimentazione quotidiana è infatti altamente indicata per l’organismo umano, in qualsiasi stato di salute esso si trovi come nutrimento essenziale, in particolare per:

  • prevenire malattie cardiovascolari;
  • ridurre i livelli di colesterolo LDL;
  • rafforzare il sistema immunitario e coadiuvare le terapie in diverse patologie (diabete, artrite reumatoide, artrosi, sindrome premestruale, asma, lupus e altre malattie autoimmuni in genere).

I semi di Canapa hanno un gradevole sapore di Nocciola. Sono protetti da un guscio esterno naturale, tra l’altro ben digeribile, che conserva efficacemente gli oli e le vitamine. Sono ottimi tostati, sotto forma di germoglio, da soli o insieme ad altri semi, e da utilizzare per insaporire insalate, verdure, primi piatti. Coi semi di Canapa si può anche produrre un ottimo latte vegetale, oppure si possono frullare, sempre da soli o con altri semi, in modo da ottenere un composto pastoso dal sapore delicato, che ricorda il burro, da spalmare o da utilizzare come condimento su bruschette o per insaporire i piatti.

Dal seme di Canapa si estrae a freddo l’olio che conserva le straordinarie virtù del seme e si presta insieme all’extravergine di oliva come eccellente integratore in una sana ed equilibrata alimentazione. L’olio, oltre per l’uso alimentare e terapeutico ha un ottimo impiego in cosmesi. Esso infatti, ha delle eccellenti proprietà emollienti, che agendo in profondità, aiutano a preservare la pelle da arrossamenti, irritazioni ed infiammazioni, dalla disidratazione e dall’azione di agenti atmosferici esterni.

Per uso esterno è un olio facilmente assorbibile, non unge ed è ottimo per molti problemi della pelle come:

  • psoriasi;
  • acne e pelle grassa;
  • vitiligine;
  • eczemi;
  • micosi;
  • irritazioni da allergie e localizzate;
  • dermatiti secche;
  • infiammazioni della pelle.

MODO D’USO E CONSERVAZIONE

Per sfruttarne appieno i benefici si consiglia di aggiungere all’alimentazione quotidiana un cucchiaio di olio di Canapa al giorno, corrispondente all’incirca a 20 grammi di semi decorticati. Se l’olio viene assunto a scopo di semplice prevenzione la Dose Giornaliera Raccomandata (RDA) è di 2 cucchiaini da Tè al giorno.

Per l’alto contenuto di acidi grassi polinsaturi e la presenza di acidi grassi liberi, l’olio di semi di Canapa si altera facilmente e quindi deve essere conservato chiuso, al buio e al fresco. L’olio di Canapa è sensibile all’ossigeno, al calore e alla luce, per questo motivo non è adatto per le fritture ma solo per l’uso a crudo e una volta aperta la bottiglia va conservata in frigorifero. E’ in ogni modo bene consumarlo entro sei mesi dall’apertura del contenitore.

I contenuti presenti su questo sito non vanno intesi come sostitutivi del parere del medico. I prodotti presentati nel sito non sono medicinali ma rimedi tradizionali che contribuiscono al mantenimento del benessere psicofisico.

Brands